Agevolazioni e Novità Fiscali

Gli approfondimenti del Dottor Cavallari sulle agevolazioni e novità fiscali

 

Notiziario Fiscale di Maggio 2019

MAGGIO 19SOMMARIO

 

 

 

 

www.studiocavallari.it

 

 

 

  1. In evidenza

Pag. 1

 

 

 

 

 

 

 

  1. Principali adempimenti mese di maggio 2019

Pag. 1

 

 

 

 

 

 

 

  1. Nuove detrazioni Irpef 2018

Pag. 2

 

  1. Check list oneri deducibili

Pag. 4

 

  1. Check list oneri detraibili

Pag. 5

 

  1. Check list raccolta dati per Modello Redditi

Pag. 9

 

In evidenza

CORRISPETTIVI

GIORNALIERI

ANCHE TRAMITE

PROCEDURA WEB

E DA SMARTPHONE

 

  • L’Agenzia delle Entrate ha introdotto una modalità alternativa, diversa dai registratori e server telematici, per la certificazione e la trasmissione dei corrispettivi telematici giornalieri. In particolare, si potrà utilizzare la procedura web (anche da smartphone) messa a disposizione sul sito dell’Agenzia che permetterà di generare il documento commerciale, che sostituirà scontrini e ricevute fiscali, rilasciandolo al cliente all’atto di vendita.
 

Principali adempimenti mese di maggio 2019

Giovedì

16

maggio

 

Iva

 

Liquidazione e versamento - Termine ultimo concesso ai contribuenti trimestrali per operare la liquidazione relativa al trimestre precedente e per versare l’eventuale imposta a debito.

 

 

Versamento - Termine di versamento della rata dell’Iva relativa all’anno d’imposta 2018 derivante dalla dichiarazione annuale con gli interessi.

 

Inps

 

Artigiani e commercianti - Termine per effettuare il versamento della 1ª rata del contributo fisso minimo per il 2019.

 

Inail

 

Autoliquidazione - Termine di pagamento, in unica soluzione o della 1ª e 2ª rata, del premio Inail per il saldo 2018 e l’acconto 2019. Entro tale termine deve essere effettuato l’invio telematico della denuncia delle retribuzioni, nonché della comunicazione di riduzione delle retribuzioni presunte.

 

Lunedì

20 maggio

 

Enasarco

 

Versamento contributi - Termine ultimo per il versamento dei contributi previdenziali relativi al trimestre gennaio-marzo 2019.

 

Giovedì

30

maggio

 

Bilancio

 

Invio telematico - Termine ultimo per la trasmissione telematica al Registro delle Imprese del bilancio approvato il 30.04.2019, con i relativi allegati. Entro tale termine deve essere trasmesso l’elenco soci per le S.p.A., le S.a.p.a. e le società consortili per azioni.

 

Venerdì

31

maggio

 

Iva

 

Comunicazione liquidazioni periodiche Iva - Termine di presentazione della comunicazione dei dati relativi alle liquidazioni periodiche Iva del 1° trimestre 2019.

 

 

Esterometro - Termine di presentazione telematica della comunicazione contenente i dati delle operazioni transfrontaliere rese o ricevute, riferite a aprile 2019.

 

 

Vendite a distanza - Termine di presentazione dell’esterometro relativo ai mesi di marzo e aprile 2019 per i soggetti che facilitano le vendite a distanza mediante l’uso di interfacce elettroniche (D.P.C.M. 27.02.2019).

 

Estromissione

immobile

 

Opzione - Termine di esercizio dell’opzione, con effetto dal periodo d’imposta in corso al 1.01.2019, per l’estromissione dell’immobile strumentale posseduto alla data del 31.10.2018 (art. 1, c. 66 L. 145/2018).

 

Nota1

Se il termine scade in giorno festivo, è prorogato di diritto al giorno seguente non festivo (art. 2963, c. 3 C.C.). L’art. 18, c. 1 D. Lgs. 9.07.1997, n. 241 prevede che i versamenti che scadono di sabato o di giorno festivo sono tempestivi se effettuati il 1° giorno lavorativo successivo. I termini di presentazione e di trasmissione della dichiarazione che scadono di sabato sono prorogati d’ufficio al 1° giorno feriale successivo (art. 2, c. 9 D.P.R. 322/1998). Gli adempimenti e i versamenti previsti da disposizioni relative a materie amministrate da articolazioni del Ministero dell’Economia e delle Finanze, comprese le Agenzie fiscali, ancorché previsti in via esclusivamente telematica, ovvero che devono essere effettuati nei confronti delle medesime articolazioni o presso i relativi uffici, i cui termini scadono di sabato o di giorno festivo, sono prorogati al 1° giorno lavorativo successivo [art. 7, c. 2, lett. l) D.L. 13.05.2011, n. 70].

 

Nuove detrazioni Irpef 2018

La legge di Bilancio 2018 ha introdotto nuove detrazioni per oneri dall’Irpef lorda, se non deducibili nella determinazione dei singoli redditi che concorrono alla formazione del reddito complessivo, inserendo nuove lettere nell’art. 15 Tuir. Si segnalano le nuove disposizioni relative alle detrazioni Irpef per il 2018.

 

ABBONAMENTO

AL TRASPORTO

PUBBLICO

 

Oggetto

 

Dall’Irpef lorda sono detraibili, nella misura del 19%, le spese sostenute, anche nell’interesse dei soggetti a carico, per l’acquisto degli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale.

 

 

 

 

 

Importo

 

L’importo della detrazione non può essere superiore a € 250.

 

 

 

 

 

Reddito

di lavoro

dipendente

 

Non concorrono a formare il reddito di lavoro dipendente le somme erogate o rimborsate alla generalità o a categorie di dipendenti dal datore di lavoro o le spese da quest’ultimo direttamente sostenute, volontariamente o in conformità a disposizioni di contratto, di accordo o di regolamento aziendale, per l’acquisto degli abbonamenti per il trasporto pubblico locale, regionale e interregionale del dipendente e dei familiari a carico.

 

 

 

 

 

Documentazione

 

  • Deve essere conservato il “titolo di viaggio”, che deve contenere: dati della società emittente, descrizione del trasporto, ammontare del corrispettivo dovuto, numero progressivo, dati dell’utilizzatore.
  • Inoltre, occorre conservare idonea documentazione atta a provare il pagamento della spesa.

 

 

 

 

 

spese

per

studenti

con disturbo

di

apprendimento

 

Oggetto

 

  • Sono detraibili ai fini Irpef, nella misura del 19% del loro importo, le spese sostenute in favore dei minori o di maggiorenni, con diagnosi di disturbo specifico dell’apprendimento (DSA) fino al completamento della scuola secondaria di 2° grado, per:
  • l’acquisto di strumenti compensativi e di sussidi tecnici e informatici (L. 8.10.2010, n. 170), necessari all’apprendimento, nonché;
  • l’uso di strumenti compensativi che favoriscano la comunicazione verbale e che assicurino ritmi graduali di apprendimento delle lingue straniere.

 

 

 

 

 

Requisito

 

Presenza di un certificato medico che attesti il collegamento funzionale tra i sussidi e gli strumenti acquistati e il tipo di disturbo dell’apprendimento diagnosticato.

 

 

 

 

 

Documentazione

 

Deve essere conservato il documento probante il sostenimento della spesa, nonché il certificato di collegamento funzionale tra sussidio e disturbo, rilasciato dal SSN o da specialisti/strutture accreditate.

 

 

 

 

 

Decorrenza

 

Le disposizioni si applicano alle spese sostenute dall’anno d’imposta in corso al 31.12.2018.

 

 

 

 

 

polizze

assicurative contro

le calamità

naturali

 

Oggetto

 

Sono detraibili dall’imposta lorda Irpef, nella misura del 19%, i premi per assicurazioni aventi per oggetto il rischio di eventi calamitosi stipulate relativamente a unità immobiliari ad uso abitativo.

 

 

 

 

 

Decorrenza

 

Le disposizioni si applicano esclusivamente per le polizze stipulate a decorrere dal 1.01.2018.

 

Nuove detrazioni Irpef 2018 ( www.studiocavallari.it )

INTERVENTI

RELATIVI

ALLA

SISTEMAZIONE

A VERDE

 

Oggetto

 

  • Spese documentate sostenute ed effettivamente rimaste a carico dei contribuenti che possiedono o detengono, sulla base di un titolo idoneo, l’immobile sul quale sono effettuati gli interventi relativi alla:
  • «sistemazione a verde» di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi;
  • realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.
  • Nello specifico, l’agevolazione spetta anche agli interventi mirati al mantenimento del buono stato vegetativo e alla difesa fitosanitaria di alberi secolari o di esemplari arborei di notevole pregio paesaggistico, naturalistico, monumentale, storico e culturale.
  • Per l’ottenimento del bonus verde, nel caso di creazione di un giardino pensile, l’opera deve riguardare la realizzazione di fioriere e l’allestimento a verde permanente di balconi e terrazzi, purché riferiti sempre a un intervento innovativo.

 

 

 

 

La detrazione spetta anche per le spese sostenute per interventi effettuati sulle parti comuni esterne degli edifici condominiali.

 

Fino a un importo massimo complessivo di € 5.000 per unità immobiliare a uso abitativo.

 

 

 

In tale ipotesi la detrazione spetta al singolo condomino nel limite della quota a lui imputabile, a condizione che la stessa sia stata effettivamente versata al condominio entro i termini di presentazione della dichiarazione dei redditi.

 

 

 

 

 

Tra le spese sono comprese quelle di progettazione e manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi.

 

 

 

 

 

Esclusioni

 

Sono escluse dall’agevolazione le manutenzioni ordinarie annuali dei giardini e i lavori eseguiti in economia dal contribuente.

 

 

 

 

 

36%

 

Ai fini Irpef, dall’imposta lorda si detrae un importo pari al 36% delle spese documentate.

 

 

 

 

 

10 anni

 

La detrazione è ripartita in 10 quote annuali costanti, di pari importo, nell’anno di sostenimento delle spese e in quelli successivi.

 

 

 

 

 

Limite

 

L’ammontare complessivo della detrazione non può essere superiore a € 5.000 per unità immobiliare a uso abitativo.

 

 

 

 

 

Pagamento

 

La detrazione spetta a condizione che i pagamenti siano effettuati con strumenti idonei a consentire la tracciabilità delle operazioni.

 

 

 

 

 

CONTRIBUTI

ASSOCIATIVI

A SOCIETÀ DI MUTUO

SOCCORSO

 

Oggetto

 

Detrazione del 19% dei contributi associativi versati, sulla propria posizione, a società di mutuo soccorso.

 

 

 

 

 

Limite

 

Il limite dell’importo su cui calcolare la detrazione è pari a € 1.300.

 

 

 

 

 

Pagamento

 

Le erogazioni devono essere effettuate con “mezzi tracciabili”, ossia versamenti postali o bancari, carte di credito o di debito, assegni bancari o circolari.

 

Check list oneri deducibili

Nella sezione II del quadro E del modello 730 e del quadro RP del modello Redditi PF sono indicate:

  1. le spese e gli oneri per i quali è prevista la deduzione dal reddito complessivo;
  2. le somme tassate dal datore di lavoro, ma che non avrebbero dovuto essere conteggiate tra i redditi di lavoro dipendente e assimilati.

 

Dichiarazione dei redditi 2019 anno 2018

Cognome

Rossi

Nome

Mario

www.studiocavallari.it

Oneri deducibili

Oneri deducibili dal reddito complessivo

Descrizione

Note

Importo

  • Assegno periodico corrisposto al coniuge.

 

...................

  • Assegni periodici (rendite, vitalizi) corrisposti in forza di testamento o donazione.

 

...................

  1. Contributi Inps addetti servizi domestici e familiari.

Massimo € 1.549,37

1.000,00

  • Contributi previdenziali e assistenziali obbligatori e volontari versati all’ente pensionistico di appartenenza. Rientrano tra queste spese anche:
  1. i contributi agricoli unificati versati all’Inps – Gestione ex Scau – per costituire la propria posizione previdenziale e assistenziale;
  2. i contributi versati per l’assicurazione obbligatoria Inail contro gli infortuni domestici (c.d. assicurazione casalinghe);
  3. i contributi previdenziali e assistenziali versati facoltativamente all’ente pensionistico di appartenenza, compresi quelli per la ricongiunzione
  4. di periodi assicurativi, per il riscatto degli anni di laurea, per la prosecuzione volontaria e per il cosiddetto “fondo casalinghe”.

 

 

 

  • Spese mediche e assistenziali a disabili.

50% delle spese

sostenute

...................

  • Canoni, livelli, censi, altri oneri gravanti sui redditi di immobili.

 

...................

  • Indennità per perdita di avviamento corrisposta al conduttore di immobili non abitativi.

 

...................

  • Spese sostenute dai genitori adottivi di minori stranieri per l’espletamento della relativa procedura di adozione internazionale.

 

...................

  • Contributi per Fondi integrativi del SSN.

Massimo € 3.615,20

...................

  • Contributi per ONG e per Paesi in via di sviluppo.

Massimo 2% del

reddito dichiarato

...................

  • Erogazioni liberali a favore di istituzioni religiose.

Massimo € 1.032,91

...................

  • Erogazioni a enti universitari di ricerca ed enti parco.

 

...................

  • Contributi versati alle forme pensionistiche complementari o individuali.

Massimo € 5.164,57

...................

  • Somme restituite al soggetto, se tassate in anni precedenti.

 

...................

  • Erogazioni liberali Onlus, Fondazioni e Associazioni riconosciute, associazioni di promozione sociale iscritte nel registro, associazioni di volontariato, fondazioni e associazioni riconosciute con scopo di promozione di attività di ricerca scientifica.

Massimo 10%

reddito dichiarato

...................

  • Erogazioni liberali da parte di soggetti privati nei confronti di trust/fondi speciali a favore di persona con disabilità grave.

Massimo 20%

reddito dichiarato

e comunque

non superiore a

€ 100.000,00

...................

  • Acquisto/costruzione di immobili abitativi destinati alla locazione, entro 6 mesi dall’acquisto/termine di costruzione, con contratto di almeno 8 anni.

Massimo

€ 300.000,00

- deduzione del 20%

 

 

  • Altri oneri:

 

 

 

  • ................................................................................................................

 

...................

  • ................................................................................................................

 

...................

 

Contributi per previdenza complementare

Descrizione

Importo

  1. Contributi a deducibilità ordinaria.

2.000,00

  • Contributi versati a fondi di squilibrio di monetario.

...................

  • Contributi versati da lavoratori di prima occupazione.

...................

  • Contributi versati per familiari a carico.

...................

  • Fondo pensione negoziale dipendenti pubblici.

...................

 

 

www.studiocavallari.it

 

Check list oneri detraibili

Nella sezione I del quadro E del modello 730 e del quadro RP del modello Redditi PF sono indicate le spese per le quali spetta la detrazione d’imposta (del 19% o nella diversa misura espressamente prevista). Si riportano i principali oneri detraibili, con riferimento alle eventuali limitazioni di detraibilità.

www.studiocavallari.it 

 

Dichiarazione dei redditi 2019 anno 2018

 

Cognome

Rossi

Nome

Mario

 

Oneri detraibili

 

Oneri per i quali spetta la detrazione del 19%

Descrizione

Note

Importo

  1. Premi per assicurazione vita e infortuni (anche familiari a carico) e per assicurazioni sul rischio morte, invalidità permanente.
  • Massimo detraibile € 530,00 per contratti rischio morte o invalidità permanente non inferiore al 5%.
  • Massimo detraibile € 750,00 per contratti rischio morte o finalizzati alla tutela delle persone con disabilità grave.
  • Massimo detraibile € 1.291,14 per contratti rischio non autosufficienza compimento attività quotidiana.
  • Se il contratto è stato stipulato o rinnovato dopo il 31.12.2000 necessitano speciali requisiti.

530,00

  • Premi per assicurazione contro calamità naturali.

 

...................

  1. Interessi mutui ipotecari per acquisto abitazione principale.

Massimo € 4.000,00.

2.000,00

  • Interessi mutui contratti nel 1997 per recupero edilizio.

Massimo € 2.582,28.

...................

  • Interessi mutui ipotecari per acquisto altri immobili stipulati prima del 1993.

Massimo € 2.065,83.

...................

  • Interessi mutui ipotecari per costruzione abitazione principale.

Massimo € 2.582,28.

...................

  • Interessi per prestiti o mutui agrari.

Fino al valore dei redditi dei terreni.

...................

  1. Spese sanitarie generiche e specialistiche (anche per familiari a carico).
  1. Spese mediche.

Meno franchigia di € 129,11.

500,00

  1. Spese per acquisto di medicinali.

300,00

  • Spese sanitarie per familiari non a carico affetti da patologie esenti.

Massimo € 6.197,48 (meno franchigia di € 129,11).

...................

  • Spese sanitarie per persone con disabilità.

 

...................

  • Spese veicoli per persone con disabilità.

Massimo € 18.075,99.

...................

  • Spese di interpretariato per soggetti sordi.

 

...................

  • Spese acquisto e mantenimento cani guida per non vedenti (anche per familiari a carico).
  • 1 sola volta in 4 anni.
  • Per il mantenimento del cane spetta una detrazione di € 1.000,00.

...................

  • Spese sanitarie rateizzate sostenute in anni precedenti.

 

...................

  • Contributi versati per i familiari a carico relativi al riscatto degli anni di laurea.

 

...................

  1. Spese per asili nido.

Non superiore a € 632,00 per ogni figlio.

350,00

  • Spese relative a beni soggetti a regime vincolistico.

 

...................

  1. Spese veterinarie.

Franchigia di € 129,11 (massimo di € 387,34).

350,00

  • Spese addetti assistenza personale (anche per familiari a carico).

Massimo € 2.100,00 (reddito entro € 40.000,00) con documentazione medica.

...................

  1. Spese attività sportive per ragazzi.

Massimo € 210,00/ragazzo (tra 5 e 18 anni).

200,00

  • Spese canoni locazione sostenute da studenti universitari fuori sede (anche per familiari a carico).

Massimo € 2.633,00.

...................

  • Spese funebri.
  • Massimo € 1.550,00 a decesso.
  • Non è più richiesta una relazione di parentela tra il soggetto deceduto e il fruitore della detrazione.

...................

  1. Spese istruzione (anche familiari a carico).
  • Primo ciclo istruzione per l’infanzia e istruzione secondaria di secondo grado, massimo € 786,00 per alunno o studente.
  • Istruzione universitaria nei limiti di quelle statali.
  • Per le università non statali la detrazione è ammessa in misura non superiore a quella stabilita per ciascuna facoltà con decreto del MIUR entro il 31.12.

1.500,00

  • Spese per intermediazione immobiliare.

Massimo € 1.000,00 per acquisto abitazione principale.

...................

  • Spese per abbonamenti al trasporto pubblico.

Massimo € 250,00.

...................

  • Altri oneri per i quali spetta detrazione 19%.

 

…………………

 

 

 

 

Check list oneri detraibili (segue)

 

 

Oneri con detrazione al 36% - 41% - 50%

Descrizione

Note

Importo

  1. Spese interventi per recupero patrimonio edilizio per i quali spetta la detrazione del 50%.

Il limite massimo su cui calcolare la detrazione è pari a € 96.000,00.

8.000,00

  • Spese sostenute per l’acquisto o l’assegnazione di immobili ristrutturati per le quali spetta la detrazione del 50%.

L’importo pari al 25% del prezzo di acquisto / assegnazione non può superare € 96.000,00.

…………………

  • Spese per acquisto mobili e grandi elettrodomestici a seguito di interventi per recupero patrimonio edilizio con detrazione al 50%.

Limite massimo di spesa: € 10.000,00.

...................

  • Spese per acquisto mobili destinati all’arredo dell’abitazione principale acquistata da giovani coppie con detrazione al 50% (fino al 2016).

Limite massimo di spesa: € 16.000,00.

………………….

  • Spese detrazione 41%.
  • Spese sostenute nel 2006 relative a fatture emesse dal 1.01 al 30.09.2006.
  • Rata n.: ................................

...................

  • Spese detrazione 36% - 50% anni precedenti.
  • Spese sostenute:
  • negli anni dal 2001 al 2005;
  • nel 2006 relative a fatture emesse in data antecedente al 1.01.2006 ovvero a quelle emesse dal 1.10 al 31.12.2006 e per le spese sostenute dal 2007 al 2016.
  • Rata n.: ............................

...................

  1. Spese per “bonus verde” 36%.

Limite massimo di spesa € 5.000,00.

5.000,00

 

Oneri con detrazione 55% - 65%

Descrizione

Note

Importo

  1. Spese per interventi di
    riqualificazione energetica sugli edifici sostenute nel 2018 (detrazione 65%).
  • Riqualificazione energetica su edifici esistenti.

Limite massimo di spesa: € 153.846,15

...................

  • Interventi su involucro edifici.

Limite massimo di spesa: € 92.307,69

...................

  • Installazione pannelli solari.

Limite massimo di spesa: € 92.307,69

...................

  1. Impianti climatizzazione invernale.

Limite massimo di spesa: € 46.153,84

10.000,00

  • Installazione schermature solari.

Limite massimo di spesa: € 92.307,69

…………………

  • Impianti climatizzazione invernale con generatori da biomasse combustibili

Limite massimo di spesa: € 46.153,84

…………………

  • Acquisto e posa in opera di micro-cogeneratori.

Limite massimo di spesa: € 153.846,15

…………………

  • Spese per interventi di
    riqualificazione   energetica sugli edifici sostenute nel 2018 (detrazione 50%).
  • Acquisto e posa in opera di finestre e infissi.

Limite massimo di spesa: € 120.000,00

…………………

  • Acquisto e posa in opera di schermature solari.

Limite massimo di spesa: € 120.000,00

…………………

  • Acquisto e posa in opera di impianti climatizzazione invernale a biomassa

Limite massimo di spesa: € 60.000,00

…………………

  • Sostituzione impianti climatizzazione invernale con caldaie a condensazione.

Limite massimo di spesa: € 60.000,00

…………………

  • Interventi su parti comuni di edifici di riqualificazione energetica e misure antisismiche con miglioramento di una classe di rischio 80%.

Limite massimo di spesa: € 136.000,00 - quota parte (per unità immobiliare che compongono l'edificio).

…………………

  • Interventi su parti comuni di edifici di riqualificazione energetica e misure antisismiche con miglioramento di due classi di rischio 85%.

Limite massimo di spesa: € 136.000,00 - quota parte (per unità immobiliare che compongono l'edificio).

…………………

 

 

 

 

Check list oneri detraibili ( www.studiocavallari.it )

 

 

Oneri con detrazione 55% - 65% (segue)

Descrizione

Note

Importo

  • Spese per interventi di riqualificazione energetica sugli edifici anni precedenti.
  • Riqualificazione energetica edifici esistenti.

Rata n. ......

 

...................

  • Interventi su involucro edifici.

Rata n. …...

 

...................

  • Installazione pannelli solari.

Rata n. …...

 

...................

  • Impianti climatizzazione.

Rata n. …...

 

...................

  • Installazione schermature solari.

Rata n. ......

 

...................

  • Impianti climatizzazione invernale con generatori da biomasse combustibili

Rata n. ......

 

...................

  • Spese sostenute per interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici comunali, che interessino l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo (detrazione 70%).
  • Riqualificazione energetica su edifici esistenti

Limite massimo

di spesa: € 40.000,00 - quota parte (per unità immobiliare che compongono l'edificio).

...................

  • Interventi su involucro edifici.

...................

  • Installazione pannelli solari.

...................

  • Impianti climatizzazione invernale.

...................

  • Installazione schermature solari.

...................

  • Impianti climatizzazione invernale con generatori da biomasse combustibili

...................

  • Spese sostenute per interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali, finalizzati a migliorare la prestazione energetica invernale ed estiva e che conseguano almeno la qualità media di cui al D.M. Sviluppo Economico del 26.06.2015 (detrazione 75%).
  • Riqualificazione energetica su edifici esistenti

Limite massimo

di spesa: € 40.000,00 - quota parte (per unità immobiliare che compongono l'edificio).

...................

  • Interventi su involucro edifici.

...................

  • Installazione pannelli solari.

...................

  • Impianti climatizzazione invernale.

...................

  • Installazione schermature solari.

...................

  • Impianti climatizzazione invernale con generatori da biomasse combustibili.

...................

  •  Adozione di misure antisismiche.
  • Detrazione 50% (70% riduz. rischio sismico di una classe, 80% riduz. rischio sismico di due classi) su un importo massimo di € 96.000,00. Le percentuali maggiorate per gli interventi su parti comuni condominiali sono rispettivamente 75 e 85%.

 

………………….

  • Adozione di misure antisismiche anni precedenti (fino al 2016).

Detrazione del 65% su un importo massimo di € 96.000 su abitazioni o unità produttive ubicate in zone sismiche.

 

...................

  • Spese per controllo a distanza degli impianti di riscaldamento anni precedenti.

Rata n. ...... (spese sostenute nel 2016).

 

...................

 

Detrazione per canoni di locazione

Descrizione

Note

Importo

  • Detrazione del 19% delle spese, sostenute dal 1.01.2016 al 31.12.2020, per canoni e relativi oneri accessori, per un importo non superiore a € 8.000,00, e del costo di acquisto a fronte dell’esercizio dell’opzione finale, per un importo non superiore a € 20.000,00, derivanti da contratti di locazione finanziaria su unità immobiliari, anche da costruire, da adibire ad abitazione principale entro un anno dalla consegna.
  • Sostenuti da giovani di età inferiore a 35 anni con un reddito complessivo non superiore a € 55.000,00 all’atto della stipula del contratto di locazione finanziaria che non sono titolari di diritti di proprietà su immobili a destinazione abitativa; la detrazione spetta alle condizioni previste per la deduzione degli interessi passivi derivanti da mutui per l’acquisto dell’unità immobiliare.
  • Gli importi di cui sopra sono ridotti alla metà nell’ipotesi in cui il soggetto locatore, fatte salve le altre condizioni, abbia un’età non inferiore a 35 anni.

...................

  • Detrazione per inquilini di alloggi adibiti ad abitazione principale.
  • € 300,00 per reddito fino a € 15.493,71.
  • € 150,00 per reddito da € 15.493,71 a € 30.987,41.

...................

  • Detrazione per inquilini di alloggi adibiti ad abitazione principale con contratti stipulati a regime convenzionale.
  • € 495,80 per reddito fino a € 15.493,71.
  • € 247,90 per reddito da € 15.493,71 a € 30.987,41.

...................

  • Detrazioni per giovani di età compresa tra i 20 e i 30 anni per fitto abitazione principale.
  • € 991,60 per reddito fino a € 15.493,71.
  • Limitatamente ai primi 3 anni.

...................

  • Detrazione per lavoratori dipendenti che hanno una casa in affitto poiché hanno trasferito la propria residenza per motivi di lavoro.
  • € 991,60 per reddito fino a € 15.493,71.
  • € 495,80 per reddito da € 15.493,71 a € 30.987,41.

...................

 

 

 

 

Check list oneri detraibili ( www.studiocavallari.it )

 

 

Erogazioni per le quali spetta la detrazione in percentuale

Descrizione

Note

Importo

  • Erogazioni liberali a partiti politici.
  • Erogazioni comprese tra € 30,00 e € 30.000,00.
  • Detrazione 26%.

..................

  • Erogazioni liberali a favore di istituti scolastici di ogni ordine e grado, istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, istituti tecnici superiori.

Detrazione 19%.

..................

  • Erogazioni liberali alle Onlus.
  • Massimo € 30.000,00.
  • Detrazione 30%.

..................

  • Erogazioni liberali associazioni di promozione sociale.
  • Massimo € 30.000,00.
  • Detrazione 30%.

..................

  • Erogazioni liberali organizzazioni di volontariato.
  • Massimo € 30.000,00.
  • Detrazione 35%.

..................

  • Erogazioni liberali associazioni sportive dilettantistiche.
  • Massimo € 1.500,00.
  • Detrazione 19%.

..................

  • Erogazioni liberali attività culturali e artistiche.

Detrazione 19%.

..................

  • Erogazioni liberali enti operanti nello spettacolo.
  • Massimo 2% del reddito dichiarato.
  • Detrazione 19%.

..................

  • Erogazioni liberali fondazioni operanti nel settore musicale.
  • Massimo 2% del reddito dichiarato.
  • Detrazione 19%.

In particolari ipotesi il limite è elevato al 30%.

..................

  • Erogazioni liberali società Biennale di Venezia.
  • Massimo 30% del reddito complessivo.

..................

  • Erogazioni liberali società di mutuo soccorso.
  • Massimo € 1.300,00.
  • Detrazione 19%.

..................

  • Erogazioni a favore delle popolazioni colpite da calamità o eventi straordinari, iniziative umanitarie, religiose o laiche, gestite da fondazioni, associazioni, comitati o enti riconosciuti.
  • Massimo € 2.065,83.
  • Detrazione 19%.

..................

  • Erogazioni liberali in denaro al fondo per l’ammortamento dei titoli di Stato.

Detrazione 19%.

..................

 

 

 

 

Check list raccolta dati per Modello Redditi

 

Si riepilogano i principali documenti da chiedere ai contribuenti per predisporre il modello Redditi per l’anno 2018.

www.studiocavallari.it 

 

 

 

17B17BDocumentazione per la dichiarazione dei redditi 2018 - Mod. Redditi 2019

 

18B18BSig.

19B19BRossi Mario

 

  • Variazioni dati anagrafici (residenza, familiari a carico, stato civile, composizione nucleo familiare, ecc.).
  1. No
  • Variazioni di terreni e/o fabbricati intervenute successivamente al 31.12.2017 o, comunque, previste entro il 16.06.2019:
  1. No
  • acquisti (abitazione principale: ¨ Sì  ¨ No);
  • No
  • vendite (abitazione principale: ¨ Sì  ¨ No);
  • No
  • locazioni (compresa copia del contratto);
  • No
  • altro: ...............................................................
  • No
  • Acquisto/costruzione di immobili abitativi dati in locazione, entro 6 mesi dall’acquisto/fine costruzione, con contratti di almeno 8 anni.
  1. No
  • Canoni di locazione.
  1. No
  • Rivalutazioni di terreni, fabbricati, partecipazioni ed eventuali estromissioni immobili.
  1. No
  • Attività di natura patrimoniale detenute all'estero (immobili, opere d’arte, gioielli, ecc.).
  1. No
  • Attività di natura finanziaria detenute all’estero (redditi di capitale, attività finanziarie in genere, ecc.).
  1. No
  • Certificazioni redditi 2018 (redditi di lavoro dipendente, pensione, collaborazioni coordinate continuative, indennità Inail, gettoni presenza, ecc.).
  • No
  • Certificazioni dei redditi e delle ritenute d'acconto subite per:
  • No
  • prestazioni occasionali;
  • No
  • provvigioni;
  1. No
  • redditi di lavoro autonomo;
  1. No
  • diritti d’autore;
  1. No
  • associazione in partecipazione;
  1. No
  • redditi di impresa;
  1. No
  • redditi di partecipazione;
  1. No
  • altro: ......................................................................
  1. No
  • Altri redditi:
  1. No
  • affitti attivi;
  • No
  • provvigioni;
  • No
  • dividendi su azioni;
  • No
  • indennità di disoccupazione o di mobilità;
  • No
  • plusvalenze da cessioni di quote;
  • No
  • altro (risarcimenti anche assicurativi, indennità per perdita avviamento, cessione di immobili nel quinquennio, indennità di esproprio, vincite a lotterie, ecc.):
  • No
  • ............................................................................................................................
  • No
  • Redditi d’impresa o di lavoro autonomo, conseguiti direttamente o per trasparenza.
  • No
  • Contributi previdenziali ed assistenziali:

 

 

  • contributi obbligatori (Inps gestione separata, artigiani, commercianti, ecc.);
  • No
  • contributi previdenziali volontari;
  1. No
  • contributi per colf e baby-sitter;
  • No
  • contributi per previdenza complementare;
  • No
  • contributi per fondi integrativi SSN;
  1. No
  • Inail casalinghe;
  1. No
  • altro: ..............................................
  1. No
  • Spese mediche e dentistiche, per occhiali, lenti a contatto, per esami, terapie anche
    omeopatiche o riabilitative, per protesi e apparecchi sanitari, degenze, interventi chirurgici, assistenza infermieristica.
  • Spese per acquisto di medicinali ed alimenti a fini medici speciali (se di importo complessivo superiore a € 129,11 per ciascun soggetto).
  • No
  • Spese sanitarie sostenute nell'interesse di familiari non a carico affetti da patologie esenti (se di importo complessivo superiore a € 129,11 per ciascun soggetto).
  1. No
  • Spese mediche e di assistenza a disabili.
  1. No
  • Spese veterinarie (se di importo complessivo superiore a € 129,11 per ciascun animale).
  • No
  • Quietanze interessi passivi:

 

 

  • su mutui ipotecari relativi all’acquisto di immobili adibiti ad abitazione principale;
  • No
  • su mutui contratti per costruzione o interventi di manutenzione/ristrutturazione immobili adibiti ad abitazione principale;
  1. No
  • su mutui agrari e per altri casi (prestiti o mutui agrari, acquisto di altri immobili ante 1993, recupero edilizio nel 1997).
  1. No

 

 

 

 Check list raccolta dati per Modello Redditi (www.studiocavallari.it )

 

 

  • Spese di intermediazione immobiliare per acquisto abitazione principale.
  1. No
  • Quietanze assicurazioni vita e infortuni, anche relative a familiari a carico.
  • No
  • Spese funebri.
  1. No
  • Spese per rette di frequenza agli asili nido.
  • No
  • Spese per istruzione universitaria.
  • No
  • Spese per istruzione da scuole dell’infanzia e secondarie.
  1. No
  • Spese per addetti all’assistenza di persone non autosufficienti.
  1. No
  • Spese per pratica sportiva di ragazzi.
  • No
  • Spese per abbonamento al trasporto pubblico.
  • No
  • Spese per i mezzi necessari per deambulazione, veicoli e sussidi informativa per disabili.
  1. No
  • Spese di interpretariato per soggetti sordi.
  1. No
  • Spese di acquisto e mantenimento cani-guida per soggetti non vedenti.
  1. No
  • Spese per conciliazione controversie civili/commerciali.
  1. No
  • Contributi e donazioni a favore di Stato, enti, istituzioni pubbliche e religiose, enti di ricerca scientifica, fondazioni, Onlus, associazioni di promozione sociale, partiti politici, associazioni sportive dilettantistiche, società di mutuo soccorso, istituti scolastici, ecc. (pagamento con mezzi tracciabili).
  1. No
  • Spese sostenute nel 2018 per:

 

 

  • interventi di recupero del patrimonio edilizio con detrazione 50% (manutenzioni, ristrutturazioni, interventi antisismici, acquisto e assegnazione di immobili parte di edifici strutturati);
  • No
  • acquisto di mobili ed elettrodomestici relativi a immobili ristrutturati con detrazione del 50%;
  • No
  • interventi di risparmio energetico con detrazione 50%-65% (riqualificazione energetica, involucro di edifici, installazione pannelli solari, impianti di climatizzazione invernali).
  • No
  • Interventi di “sistemazione a verde” con detrazione 36%.
  1. No
  • Canoni di locazione pagati da:

 

 

  • lavoratori dipendenti che hanno trasferito la residenza per motivi di lavoro;
  1. No
  • studenti universitari fuori sede;
  1. No
  • inquilini con immobili adibiti ad abitazione principale, o per contratti stipulati con regime convenzionale.
  1. No
  • Assegni periodici corrisposti al coniuge (con esclusione della quota di mantenimento relativa ai figli).
  1. No
  • Documentazione relativa a oneri diversi da quelli sopra indicati:
  1. No
  • ................................................................................................................................
  • No
  • ................................................................................................................................
  • No
  • ................................................................................................................................
  • No
  • Scelta pagamento imposte (i pagamenti al 31.07.2019 saranno maggiorati dello 0,40%).

1

luglio

2019

31

luglio

2019

  • Rateizzazione imposte (indicare il numero delle rate).

5

  • No
       

Il sottoscritto dichiara di avere consegnato allo Studio ……………………….. la documentazione sopra descritta e di non possederne altra utile al fine della redazione della dichiarazione per l'anno 2018, nonché di aver preso visione dell’informativa, ai sensi dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 e di fornire il consenso al trattamento dei propri dati personali.

 

28.04.2019

 

Dott. Giulio Verdi

 

Mario Rossi

Data

 

Firma Ricevente

 

Firma Cliente

 

 

www.studiocavallari.it 


Stampa   Email