Lavoro e Previdenza - Consulente del Lavoro

Gli approfondimenti del Dottor Cavallari sui temi della previdenza e sui contratti di lavoro

 

Stipendi non più in contanti da Luglio 2018

Stipendio non più in contanti: da luglio 2018 buste paga tracciabili

Da luglio non sarà più possibile il pagamento dello stipendio in contanti: confermata la tracciabilità della busta paga con pagamento solo tramite bonifico, assegno e carte di pagamento. Ci sarà solo un modo possibile per continuare, seppure indirettamente, a pagare lo stipendio in contanti: mandare il lavoratore in banca o alle poste a ritirare i soldi versati, se le stesse lo consentono. In questo caso infatti lo stipendio viene pagato in contanti solo in apparenza: il datore lo versa in modo tracciabile in banca o alle poste. 

Il divieto di stipendio in contanti inoltre riguarda tutti i dipendenti, a prescindere dal tipo di lavoro prestato e dal tipo di contratto (quindi non solo quelli assunti a tempo indeterminato ma anche determinato, parasubordinati, soci di cooperative etc).

Nel comparto privato resteranno escluse dal divieto di contanti solo alcune rarissime eccezioni come le borse di studio e lavoratori domestici (con l’eccezione di colf e badanti che lavorano almeno quattro ore giornaliere presso lo stesso datore di lavoro potranno essere ancora pagate in contanti). Per i dipendenti pubblici resta solo il divieto di pagamento in contanti dello stipendio oltre i mille euro, limite già imposto dal governo Monti.

I datori di lavoro sono obbligati ad effettuare i pagamenti a dipendenti e collaboratori in formato elettronico (e non più con i contanti); sintesi:

  • Data di inizio applicazione della Legge: 1 luglio 2018
  • Modalità di pagamento accettate: bonifico bancario e altri strumenti di pagamento elettronico, assegno
  • A chi si applica: lavoratori subordinati, collaboratori coordinati e continuativi, rapporti di lavoro in cooperativa
  • A chi NON si applica: pubbliche amministrazioni, lavoro domestico, prestazioni occasionali, tirocini, borse studio

Sono previste multe da 1000 a 5000 euro in caso di violazione della nuova Legge.

CIRCOLARE LEGGE 205/2017 :

ha lo scopo di ottenere la piena tracciabilità delle retribuzioni e dei compensi.

Dal 1° luglio 2018 entrerà in vigore l'obbligo per i datori di lavoro e  i committenti di corrispondere retribuzioni, compensi e relativi anticipi, ai lavoratori subordinati (art 2094 cc) ed ai lavoratori autonomi (art 2222 cc) tramite banca o ufficio postale con i seguenti mezzi:

  • bonifico sul conto identificato dal codice IBAN indicato dal lavoratore;
  • strumenti di pagamento elettronico ;
  • emissione di un assegno consegnato direttamente al lavoratore, o in caso di suo comprovato impedimento, a un suo delegato. L'impedimento si ritiene comprovato quando a ritirare l'assegno è il coniuge, il convivente o un familiare del lavoratore, purché non di età inferiore a 16 anni. É necessaria una delega sottoscritta dal lavoratore interessato e una copia del documento contenente gli estremi dello stesso;
  • Il pagamento in contanti rimane possibile soltanto se il pagamento avviene presso lo sportello bancario o postale dove il datore di lavoro abbia aperto un conto corrente di tesoreria con mandato di pagamento.

Il divieto di corrispondere la retribuzione in contanti è a prescindere dall'ammontare della retribuzione.

AMBITO APPLICAZIONE:

  • Rapporti di lavoro subordinato, indipendentemente dalle modalità di svolgimento della prestazione e dalla durata del rapporto.
  • Rapporti di lavoro originati da contratti di collaborazione coordinata e continuativa e dai contratti di lavoro instaurati in qualsiasi forma dalle cooperative con i propri soci.

ESCLUSI DALL'AMBITO DI APPLICAZIONE:

  • rapporti di lavoro instaurati con le Pubbliche Amministrazioni;
  • rapporti di lavoro domestico;
  • le prestazioni occasionali, in quanto sono tracciate tramite i pagamenti effettuati attraverso l'Inps.
  • Tirocini e Borse di studio;
  • Gli anticipi di cassa per sostenere le spese inerenti all'attività lavorativa restano fuori dal divieto, ma devono essere supportati da documentazione idonea e pezze giustificative.

SANZIONI :

per il datore di lavoro o committente che viola il divieto, è prevista una sanzione pecuniaria da 1000 a 5000 euro, che si aggiunge ad eventuali condotte penalmente rilevanti.

La firma apposta dal lavoratore sulla busta paga attesta la consegna del cedolino,  non costituisce prova dell'avvenuto pagamento della retribuzione.


Stampa   Email