Quesito 364308 - Rub. 560

Salve, dal vostro inserto di martedì scorso ho scoperto che esiste una formula denominata "conto di base", introdotta nel 2012, che prevede la possibilità per le famiglie con reddito fino a €8000, o per i pensionati con reddito fino a €18000, di avere un conto con formula a zero spese.
Volevo chiedere se tale formula è prevista anche per quei pensionati che, pur rispettando tale parametro reddituale, si trovano ad avere proprietà immobiliari o a cointestare tale conto con coniuge con altro reddito.

RISPOSTA

A fonte dell’introduzione dell’obbligo di riscuotere stipendi e pensioni superiori ad euro 1.000 tramite conto corrente, il Governo, per agevolare alcune categorie di consumatori, con D.L. 06/12/11 n. 201, convertito con modificazioni dalla L 214/11, ha introdotto il c.d. conto corrente di base, da emettersi a condizioni estremamente vantaggiose.
Il conto di base si inserisce infatti nel quadro delle iniziative assunte dal Governo in tema di lotta al contante e di promozione di strumenti di pagamento più efficienti.
Può usufruire del conto di base la clientela bancaria economicamente più debole, con un reddito ISEE annuo inferiore a 8.000 euro, alla quale il conto corrente è offerto senza spese e con l’esenzione dell’imposta di bollo. Inoltre possono godere di tale conto anche gli aventi diritto a trattamenti pensionistici fino a 18.000 euro annui. Per questi ultimi è garantita la gratuità delle spese di apertura e di gestione dei conti base destinati all’accredito e al prelievo della pensione del titolare, ma rimangono a titolo oneroso eventuali altri servizi aggiuntivi richiesti dal titolare. Poiché la convenzione tra Ministero dell'Economia, Banca d'Italia, Abi e Poste Italiane detta solo le succitate condizioni per poter accenderlo, si ritiene che il conto di base possa essere sottoscritto anche da quei pensionati che, pur rispettando tale parametro reddituale, si trovano ad avere proprietà immobiliari.
Con riferimento alla possibilità di cointestarlo con coniuge con altro reddito non si ritiene ci possano essere preclusioni in questo senso. In ogni caso qualora la banca si rifiuti si rifiuti di aprire il conto di base richiesto, essa ha l’obbligo di riportare per iscritto le ragioni della mancata apertura del conto, per cui tale diniego potrà essere oggetto di apposito reclamo.