Finanziaria 2018 Novità Fiscali per Privati

Le ultime novità 03/01/2018

Detrazione fiscale per caldaie a condensazione ed impianti di climatizzazione invernale  Comma 3, lett. a) n. 2– Si precisa che la detrazione fiscale ridotta al 50% alle spese, sostenute dal 1 gennaio 2018, per l'installazione di impianti dotati di caldaie a condensazione è attribuita solo se la caldaia abbia efficienza almeno pari alla classe A di prodotto.

La detrazione è elevata al 65% nei casi in cui all'installazione la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale abbia luogo:

Detrazione fiscale per spese su parti comuni condominiali finalizzati alla riduzione del rischio sismico ed alla riqualificazione energetica (Comma 3, lett. a), n. 6-bis) - Inserendo un nuovo comma, il 2-quater.1, all'articolo 14 del DL 63/2013, si prevede il riconoscimento:

La detrazione è attribuita nella misura dell'80 per cento, ove gli interventi determinino il passaggio ad una classe di rischio inferiore, o nella misura dell'85 per cento ove gli interventi determinino il passaggio a due classi di rischio inferiori. La detrazione è ripartita in dieci quote annuali di pari importo e si applica su un ammontare delle spese non superiore a 136.000 euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari di ciascun edificio.

Credito di imposta per riqualificazione stabilimenti termali (Commi 8-bis e 8-ter) Si estende il credito di imposta per interventi di riqualificazione degli alberghi anche alle strutture che prestano cure termali, anche per la realizzazione di piscine termali e per l'acquisizione di attrezzature e apparecchiature necessarie per lo svolgimento delle attività termali.

Detrazione canoni alloggi universitari (Commi 12-bis e 12-ter)– S’interviene sui requisiti che consentono il riconoscimento della detrazione IRPEF riferita ai canoni di locazione di alloggi universitari per gli studenti “fuori sede”. Nello specifico:

Atti stipulati mediante atti pubblici informatici (Comma 12-quater) - Si interviene sulla disciplina di cui al comma 1-ter dell'articolo 36 del decreto-legge 112/2008, recentemente introdotta dall'art. 11-bis del decreto-legge 148/20177, in materia di semplificazioni e riduzioni dei costi d'impresa.

La precedente disposizione prevedeva che tutti gli atti di natura fiscale di cui agli articoli 230-bis (impresa familiare), da 2498 a 2506 (trasformazioni, fusioni e scissioni) e 2556 (cessioni aziendali) del codice civile possono essere sottoscritti con firma digitale, nel rispetto della normativa anche regolamentare concernente la sottoscrizione dei documenti informatici.

A seguito della modifica approvata i predetti atti potranno essere perfezionati con atto pubblico informatico e non più con la mera firma digitale. Sono fatti salvi i requisiti formali per l’iscrizione di tali atti nel registro delle imprese, come prescritti dall'articolo 2436, comma 19 e 2556, comma 2 del codice civile.