Sito dello Contatti







 

Dove ti trovi: Home> Suggerimenti fiscali >Start up innovative –Smart & Start - Crowdfunding



STUDIO CAVALLARI
Via 4 Novembre 6c int. 12 - Padova - 35010 Limena
emailinfo@studiocavallari.it
telefono049 613584

Corrispondenti Veneto
regione veneto

Torna all 'indice


Privacy Policy

Seguici anche su facebooklinkedin

Cerca un'impresa

Cerca un'impresa
per nome:
per prodotti:






Start up innovative –Smart & Start - Crowdfunding

E’ online sul sito pminnovative.registroimprese.it, un kit di strumenti informativi predisposti ad hoc per favorire le imprese che vogliono candidarsi al riconoscimento dello status di “PMI innovativa” previsto dal DL 3/2015 “Investment Compact”.

Per accedere al regime di agevolazioni e di incentivi fiscali stabiliti dalla norma, è infatti indispensabile che le imprese interessate siano inserite nell’apposita sezione del Registro delle imprese delle Camere di commercio. Il kit informativo comprende la Guida degli adempimenti al Registro delle imprese, un tutorial sull’utilizzo del software per l’iscrizione alla nuova sezione, il modello di dichiarazione del possesso dei requisiti, una check-list online per scoprire rapidamente se la propria impresa ha i requisiti richiesti, le statistiche e l’elenco delle PMI innovative già registrate.

Smart&Start Italia è un progetto di Invitalia che sostiene la nascita e la crescita delle start-up innovative ad alto contenuto tecnologico per stimolare una  nuova cultura imprenditoriale legata all’ economia digitale, per valorizzare i risultati della ricerca scientifica e tecnologica e per incoraggiare il rientro dei «cervelli» dall’estero; prevede finanziamenti a tasso zero, a fondo perduto in alcune aree del paese, rimborso di servizi specialistici utili all’avvio dell’attività. Contattateci per informazioni.

La normativa

Con l’obiettivo di rafforzare la competitività del tessuto produttivo nazionale e di favorire una più capillare diffusione di innovazioni di tipo tecnologico in tutti i settori economici, la Legge 24 marzo 2015 n. 33 di conversione del Decreto Legge 3/2015 (“Investment Compact”) ha introdotto un nuova tipologia di impresa, la Piccola e Media Impresa innovativa, attribuendole larga parte delle agevolazioni già assegnate alle startup innovative dal “Decreto Crescita 2.0″ di fine 2012.

I criteri

  • Possono diventare PMI innovative le società di capitali, costituite anche in forma cooperativa, residenti in Italia o in altro Paese membro dell’UE purché

  • abbiano una sede produttiva o una filiale in Italia

  • almeno l’ultimo bilancio depositato sia certificato

  • non eccedano i limiti dimensionali relativi a organico (250 persone) e fatturato/bilancio (€50 milioni p €43 milioni di bilancio) tracciati dalla normativa europea sulle PMI

  • posseggano almeno 2 su 3 dei seguenti requisiti:

    1. l’attività di ricerca e sviluppo riguarda almeno il 3% della maggiore tra le seguenti voci di bilancio: costi e valore totale della produzione;

    2. il team è formato per 1/3 da personale in possesso di laurea magistrale; oppure per 1/5 da dottorandi, dottori di ricerca o laureati con 3 anni di esperienza in attività di ricerca certificata;

    3. l’impresa è depositaria o licenziataria di privativa industriale, oppure titolare di software.

Agevolazioni e vantaggi

  1. Gestione societaria flessibile: l’atto costitutivo delle PMI innovative create in forma di società a responsabilità limitata può prevedere categorie di quote che non attribuiscono diritti di voto o che ne attribuiscono in misura non proporzionale alla partecipazione, nonché la possibilità di effettuare operazioni sulle proprie quote, di emettere strumenti finanziari partecipativi o di offrire al pubblico di quote di capitale.

  2. Facilitazioni nel ripianamento delle perdite: in caso di perdite sistematiche le PMI innovative godono di un regime speciale sulla riduzione del capitale sociale, tra cui una moratoria di un anno per il ripianamento delle perdite superiori ad un terzo (il termine è posticipato al secondo esercizio successivo).

  3. Piani di incentivazione in equity : la PMI innovativa potrà remunerare i propri collaboratori con stock option, e i fornitori di servizi esterni – come ad esempio gli avvocati e i commercialisti – attraverso schemi di work for equity. Per i soggetti percipienti si applica l’irrilevanza fiscale e contributiva di tali assegnazioni.

  4. Accesso semplificato, gratuito e diretto all’intervento del Fondo Centrale di Garanzia, un fondo governativo che facilita l’accesso al credito attraverso la concessione di una garanzia gratuita dell’80% sui prestiti bancari.

  5. Incentivi fiscali per investimenti in PMI innovative provenienti da persone fisiche (detrazioni Irpef del 19%) e giuridiche (deduzioni dell’imponibile Ires del 20%): gli incentivi valgono sia in caso di investimenti diretti, sia in caso di investimenti indiretti.

  6. Raccolta di capitali mediante piattaforme online di equity crowdfunding autorizzate ai sensi del regolamento Consob.

  7. Sostegno ad hoc nel processo di internazionalizzazione delle PMI da parte dell’Agenzia ICE, inclusa l’assistenza in materia normativa, societaria, fiscale, immobiliare, contrattualistica e creditizia, l’ospitalità a titolo gratuito alle principali fiere e manifestazioni internazionali, e l’attività volta a favorire l’incontro delle PMI innovative con investitori potenziali.

 

Il Crowdfunding per le PMI

La recente approvazione dell’Investment Compact, con l’istituzione delle PMI Innovative, ha aperto un nuovo orizzonte alle PMI italiane. I vantaggi sono infatti molto interessanti e ne riassumiamo brevemente i principali:

 

  1. Le PMI innovative, anche le Srl, possono negoziare quote come fossero azioni ed “emetterne” anche con diritti differenziati, per esempio senza diritto di voto (come per le azioni risparmio delle Spa)

  2. Possono raccogliere fondi attraverso piattaforme di equity crowdfunding

  3. Chi investe in una PMI innovativa ha un vantaggio fiscale pari al 19% sull’importo investito, se è una persona fisica, e del 20% se è una società

  4. Possibilità di remunerare il lavoro di dipendenti e collaboratori esterni con quote della società. Tale remunerazione non è imponibile ai fini Irpef e Inps

  5. Accesso semplificato, gratuito e diretto al Fondo Centrale di garanzia

Equity Crowdfunding

Anzitutto, raccogliere fondi con questa modalità equivale a trovare un socio finanziatore cui conferire quote del proprio capitale. Solo che qui sono molti, anche diverse decine, invece di uno o due.

In secondo luogo, il fabbisogno che si vuole finanziare in questo modo, deve essere relativo ad un progetto di cospicua espansione dell’impresa, non di sopravvivenza. Chi investe vuole che il valore delle proprie quote cresca radicalmente in pochi anni e/o vuole ricevere dividendi consistenti.

In terzo luogo, l’imprenditore deve dimostrare prima a se stesso e poi agli investitori che i fondi di cui ha bisogno non sono né più né meno di quelli che effettivamente gli servono per far fare un grosso salto in avanti alla propria impresa.

Bisogna a questo punto essere pronti a dare un valore corretto alla propria impresa (fondi richiesti rispetto alle quote societarie conferite). Troppo elevato, i potenziali investitori scappano. Troppo basso, l’imprenditore rinuncia a troppi profitti.

 Quando in Italia?

Per quanto abbiamo detto sopra, il progetto da finanziare deve essere fortemente espansivo. Può essere la progettazione o l’industrializzazione di un nuovo prodotto o servizio, oppure l’evoluzione tecnologica di uno esistente. Oppure ancora l’espansione in nuovi mercati nazionali o internazionali. Si può anche trattare di innovazioni di processo che consentono radicali miglioramenti di efficienza.

L’Equity Crowdfunding in Italia è ancora ai primi vagiti, non è ancora una forma di investimento così conosciuta. Ma ci sono comunque già diversi casi di successo che hanno riguardato campagne da 80 a 500 mila Euro. Dunque è questo il range di valore dell’iniziativa cui attenersi.

Stanno peraltro per affacciarsi sul mercato nuove piattaforme che certamente contribuiranno ad accelerare la consapevolezza degli investitori e ad aumentare così le probabilità di successo di una campagna.

Dunque vale la pena lanciare una campagna in Italia? Assolutamente sì, ma a patto di avere un buon network di potenziali “micro-investitori” (anche i clienti possono esserlo!) e se il proprio mercato è principalmente o esclusivamente l’Italia.

 Quando all’estero?

Negli altri paesi europei (soprattutto UK, Germania e Francia, ma anche Spagna e paesi scandinavi), per non parlare degli USA, l’equity crowdfunding è una realtà molto più consolidata, sebbene da pochi anni (per chi vuole ecco come è andato in 2014 in Europa)

Fatto salvo quanto abbiamo detto prima a proposito delle caratteristiche del’iniziativa, che, a maggior ragione giocando “fuori casa”, devono essere ancora più chiare e accentuate, una campagna su una piattaforma estera può essere una grande opportunità.

Può valerne la pena, per esempio, come strumento per sostenere lo “sbarco” della propria impresa in quel paese. Oppure se, essendovi già in parte presenti, ci si voglia consolidare con il lancio di un prodotto o di un servizio. Non stiamo parlando solo di industria o di terziario. Stiamo parlando anche di retail, che sia franchising, reti dirette, o anche flagship store.

In questo caso il crowdfunding ha certamente una valenza finanziaria, ma ne ha anche una prepotentemente di marketing.

Mi si lasci aggiungere anche un’ultima prospettiva. Soprattutto in UK, ci sono ormai diversi casi di raccolte attorno o superiori al milione di euro. Il successo di una campagna di queste dimensioni può anche essere visto come un’affermazione al cospetto della comunità finanziaria del paese e, dunque, un preludio a round più consistenti o, addirittura ad una quotazione.

 E il reward crowdfunding?

 Il reward crowdfunding implica una donazione a fronte di un premio (reward appunto) e non un investimento a fronte di azioni. La dimensione delle campagna è dunque necessariamente più bassa rispetto all’equity, diciamo nell’ordine di qualche decina di migliaia di euro al massimo (ci sono stati anche casi da centinaia di migliaia o milioni di dollari, ma sono eccezioni, non regola).

Ma e allora che ci azzecca con le PMI? In questo caso il crowdfunding può essere utilizzato come puro strumento commerciale e di marketing.

In tal modo viene infatti utilizzato ormai da molte piccole e grandi aziende per testare o lanciare nuovi prodotti. Il “reward” consiste proprio nel prodotto stesso. Di fatto, si tratta di dire: “Ecco il nostro nuovo prodotto. Se raggiungiamo l’obiettivo di raccolta lo produciamo, se no niente”.

Ciascuno donerà quindi una cifra prestabilita a fronte della possibilità di ricevere il prodotto se verrà realizzato. Se non si raggiunge l’obiettivo i soldi vengono restituiti.

Si tratta quindi di un mezzo che può essere molto potente per organizzare una sorta di pre-vendita del proprio prodotto, testarne l’appetibilità sul mercato, farlo conoscere ai consumatori di un nuovo paese. Il tutto a costo quasi zero.

Il limiti principali sono:

·  il valore unitario, che non può essere di molto superiore ai 2-300 euro

·  l’oggetto dell’iniziativa che difficilmente può essere intangibile, ma deve essere un vero e proprio prodotto che possa essere spedito e toccato con mano (può però essere un software ancorchè sia di uso personale per esempio un gioco o un’app)

 

.

www.studiocavallari.it