Dove ti trovi: Home > Finanza Mercati Imprese



STUDIO CAVALLARI
Via 4 Novembre 6c int. 12 - Padova - 35010 Limena
emailinfo@studiocavallari.it
telefono049 613584

Corrispondenti Veneto
regione veneto

Torna all 'indice


Privacy Policy

Seguici anche su facebooklinkedin

Cerca un'impresa

Cerca un'impresa
per nome:
per prodotti:







Finanza Mercati Imprese




Lo studio offre supporto per una corretta ed equilibrata scelta dei Tuoi investimenti.





centrale rischiControllo e verifica di Conti Correnti Mutui e Leasing.
Chi acquista un prodotto o servizio normalmente verifica che la fattura finale corrisponda al preventivo o contratto prima di pagare; perché dovrebbe essere diverso per le banche?....leggi tutto



Nuovo servizio Analisi Centrale Rischi Banca d'Italia uno strumento indispensabile alle aziende: La Centrale Rischi della Banca d'Italia è un report di grande importanza per il controllo della posizione finanziaria, delle garanzie prestate e degli utilizzi dell'azienda. L'esito della CR non è sempre di facile comprensione, pertanto lo Studio offre una rielaborazione grafica e raffrontata per il controllo a vista della stessacome da esempio che alleghiamo. Il servizio è più utile di quanto si pensi e base di partenza per ulteriori approfondimenti..

**********
Dall'andamento dei mercati, ai pericoli della BAIL-IN: le regole per evitare i rischi
Seguite queste regole con l’aiuto di un consulente finanziario indipendente:......

**********
Cosa sono i bond subordinati e quali differenze rispetto ai bond senior
Le Azioni o Equity, fanno parte del Capitale di Rischio (Patrimonio), con le azioni si è soci a tutti gli effetti dell’azienda o della Banca, partecipi agli utili e alle perdite, il rischio finanziario e patrimoniale è massimo, per contro con lo status di socio si acquisiscono tutta una serie di diritti.

**********
Azioni B. Pop. Vi e Veneto Banca. I prezzi delle azioni erano fuori della realtà

Gli organi di vigilanza sapevano sin dal 2001 che i prezzi delle azioni di Banca Popolare di Vicenza, Veneto Banca, Banca Marche e Banca Sassari erano sopravvalutate rispetto al Patrimonio Netto, con multipli basati su una redditività fantasiosa.

La verità è che, non essendo quotate in borsa, i loro titoli non sono liquidi, ossia sono invendibili come un vecchio immobile che non vuole più nessuno. Potrebbero comprarle solo la stessa banca, peccato che i crediti, sin’ora dichiarati in bilanci incredibili, siano evidentemente inesigibili e pertanto la stessa banca sia illiquida.

Gli azionisti in Italia di banche non quotate, quasi sempre piccoli risparmiatori, sono stimati in  300.000 persone. Un vero e proprio piccolo esercito di azionisti di banche popolari e di credito cooperativo, una raccolta diffusa effettuata dalle numerose Banche Popolari e di Credito Cooperativo.

**********
centrale rischiConsulenza Finanziaria Indipendente.
La Mifid II ha riconosciuto un ruolo ben preciso ai professionisti indipendenti e il diritto dei risparmiatori di sapere se le indicazioni e i consigli ricevuti dal proprio consulente sono indipendenti oppure no. Il fine ultimo è quello di evitare “consulenti” che ottengono premi più alti per prodotti finanziari più “spinti” dai gestori.

**********
centrale rischi I costi occulti annullano il derivato
È nullo per mancanza di causa concreta lo swap che ha commissioni occulte e nel quale né gli scenari probabilistici né il mark to market sono stati esplicitati. Così ha deciso il Tribunale di Torino che con la sentenza del 17 gennaio scorso ha condannato la Banca regionale europea (Bre, gruppo Ubi Banca) a restituire 10.800 euro a una risparmiatrice

**********
centrale rischiRequisiti società consulenza finanziaria Padova
Avviare da soli uno studio di consulenza comporta un insieme di incombenze preliminari che possono rallentare la partenza dell'attività:
interpretazione e corretta applicazione del regolamento Consob 17130 sugli adempimenti del consulente per l’esercizio della professione, practice operativa di prestazione dei servizi, formazione, aggiornamento e supporto sui servizi del consulente, messa a punto delle tariffe per gli
onorari/parcelle. ...leggi tutto

**********
Le imprese che operano sui mercati internazionali subiscono forti oscillazioni di materie prime, tassi e cambi, correndo seri rischi sui margini aziendali e crisi aziendali, se non ne danno copertura con adeguati strumenti di analisi tecnica indipente rispetto al sistema bancario; non far correre rischi imponderabili alla Tua azienda:

  1. Incremento materie prime: come posso proteggere la mia azienda dalle forti oscillazioni di prezzo delle materie prime ?            

  2. Variazione dei cambi: come posso svincolare o allungare il termine dell'accordo sul prezzo con il mio fornitore ?                       

  3. Variazione dei tassi: come posso proteggere il valore del mio magazzino e i prezzi di vendita ?

  4. Variazioni di liquidità: come posso coordinare l'aspetto finanziario con la funzione acquisti ?

  5. Utilizzo corretto degli strumenti derivati: come posso verificare l'efficacia delle coperture e darne il corretto valore contabile ?

  6. A chi posso delegare il controllo costante mark to market delle posizioni di rischio assunte ?


centrale rischiMoratoria e sospensione mutui e leasing per le piccole e medie imprese. Moratoria sui debiti delle Piccole e Medie Imprese
Gli Istituti di Credito, dopo aver beneficiato dei finanziamenti della BCE, dovranno mettere a disposizione delle aziende i fondi necessari per sostenere una ripresa di investimenti e assunzioni. Pur non essendo una soluzione definitiva per la crisi di liquidità delle PMI, può rappresentare la possibilità di poter attendere nuove forme di erogazione creditizia.

centrale rischiCentrale Rischi Aziende
Lo Studio Cavallari di Padova Limena esegue l’analisi della Centrale Rischi Interbancaria, nella quale si possono trovare tutti gli affidamenti, gli utilizzi ed eventuali sconfinamenti. Ciò permette una visione di insieme della esposizione finanziaria, anziché istituto per istituto e permette, capendo l’effettivo utilizzo degli affidamenti, un miglior impiego del servizio bancario, con riduzione di costi e/o miglioramenti dell’importo affidato.

Dopo la prima analisi sulla situazione attuale si avrà il polso dell’utilità del servizio e potrà essere richiesto un supporto di consulenza per i miglioramenti utili.



Lo Studio è a disposizione per individuare i rischi e darne adeguata copertura.

-----------------------

Lo studio esegue perizie econometriche per Adusbef Padova e analisi tecniche sui conti correnti in materia di: anatocismo, usura , commissioni di massimo scoperto, derivati finanziari e corretta applicazione del contratto di c/c bancario.

cercaCome tutelarsi: domande frequenti


Caso derivati, banche sotto sequestro. Sigilli a sedi, quote e conti dopo il «buco» al Comune di Milano
cosa sono gli  swapCaso derivati, banche sotto sequestro. Sigilli a sedi, quote e conti dopo il «buco» al Comune di Milano tratto da Il Corriere della Sera 28 aprile 2009
MILANO — Fossero dotati di humour, adesso in Procura potrebbero parodiare una delle proverbiali intercettazioni captate anni fa in tutt’altre indagini economiche: «Abbiamo una banca!». Perché da ieri, in senso quasi letterale, la Procura di Milano ha davvero una banca (il 25% della spa italiana della tedesca Deutsche Bank), e anche la sede di una banca (quella dell’americana Jp Morgan nel Palazzo Hoepli), e cespiti di una banca (conti per 8 milioni nella tedesca Depfa Bank, altre attività nella svizzera Ubs). Tutti beni che il giudice Giuseppe Vanore ha autorizzato il pm Alfredo Robledo a sequestrare, per la prima volta in Italia, fino a un tetto di 92 milioni di euro per Jp Morgan e Depfa Bank, di 84 per Deutsche Bank, di 75 per Ubs: istituti indagati per truffa aggravata ai danni del Comune di Milano nella rinegoziazione del debito di Palazzo Ma­rino con prodotti finanziari «derivati», cioè contratti per gestire il rischio di tasso d’interes­se ..vai all' articolo Caso derivati, banche sotto sequestro Sigilli a sedi, quote e conti dopo il «buco» al Comune di Milano


L'opinione del Commercialista. Sospensioni dal lavoro per crisi aziendali e occupazionali
cosa sono gli  swapSospensioni dal lavoro per crisi aziendali e occupazionali
Le numerose richieste di cassa integrazione guadagni che le aziende stanno rivolgendo all'Inps avranno tempi di risposta tra 9/12 mesi. Nel frattempo le aziende dovranno anticipare la CIG (se hanno credito dalle banche) o farla a zero ore con i gravi problemi conseguenti. Evidenziamo quindi due opportunità di flessibilità lavorative per le piccole aziende, alternative alla CIG, introdotte recentemente e di veloce utilizzo ..vai all' articolo Sospensioni dal lavoro per crisi aziendali e occupazionali


L'opinione del Commercialista. Strumenti Derivati: dov'è l'inganno
cosa sono gli  swapDerivati: dov'è l'inganno. Arrivano le prime sentenze sui derivati. Oggi le Banche sono più disposte a trovare un accordo. Il punto di partenza è...... Fondamentale quindi, quando si affronta le problematiche relativa alla gestione del rischio, richiedere delle Perizie Econometriche...... a cura di Massimo Cavallari
vai all'articolo "Derivati: dov'è l'inganno"


L'opinione del Commercialista. Abrogata commissione massimo scoperto
Abrogata commissione massimo scoperto
Il decreto anticrisi aggiusta l'errore delle banche sulla commissione di massimo scoperto solo per il futuro: per il passato si agisca in sede giudiziale chiedendone la restituzione...
Una recente sentenza della Cassazione Civile Sez. I, n.870 del 18/01/2006 ha finalmente dato una corretta definizione della commissione di massimo scoperto, definendola come la remunerazione accordata alla banca per la messa a disposizione dei fondi a favore del correntista indipendentemente dall’effettivo prelevamento della somma. Vai all'articolo "Abrogata la commissione massimo scoperto"....(Massimo Cavallari)



L'opinione del Commercialista. ANTICRISI:TASSI LIMITE SUL MASSIMO SCOPERTO tratto da ItaliaOggi Numero 010 pag. 35 del 13/1/2009

ANTICRISI:TASSI LIMITE SUL MASSIMO SCOPERTO tratto da ItaliaOggi Numero 010 pag. 35 del 13/1/2009

DIRITTO E FISCO Di Marcello Pollio DECRETO
ANTICRISI/Misure antiusura nel rapporto banca-clienti. Addio ai calcoli sul picco del trimestre
Il decreto anticrisi conferma le azioni legali e i conteggi tecnici in materia di usura sinora sostenuti: la commissione di massimo scoperto è rilevante ai fini del calcolo dei tassi soglia. La pezza messa dal governo alle posizioni ormai indifendibili delle banche e delle circolari della banca d'italia, costringe la stessa a modificare la rilevazione del TEGM, ma ovviamente questo sarà già aumentato della cms mediamente applicata, lasciando alle stesse la possibilità di applicare un tasso effettivo globale alle imprese molto alto. Oltre quindi alla consolazione di vedere confermate le nostre posizioni tecniche nel corso delle battaglie legali in materia di usura, abbiamo ulteriore conferma quindi dell'applicabilità delle nostre tesi per tutti gli affidamenti e scoperti di conto sino ad oggi calcolate. Meditate imprese...(Massimo Cavallari)


L'opinione del Commercialista. Il tasso variabile? Ora conviene, ma attenti al margine

newsIl tasso variabile? Ora conviene, ma attenti al margine

Chi si appresta a scegliere il variabile deve però fare bene i conti con il reddito a disposizione. La lezione degli ultimi tre anni, infatti, insegna che quando si contraggono finanziamenti indicizzati a tassi particolarmente bassi si deve esser pronti a sopportare un eventuale rialzo dei pagamenti, anche brusco, negli anni successivi ed è quindi importante non farsi sorprendere....



L'opinione del Commercialista. Il decreto legge (anticrisi) n.185 del 29 novembre 2008

Il decreto legge (anticrisi) n.185 del 29 novembre 2008
: commento di Massimo Cavallari su: mutui per l'acquisto, la ristrutturazione o la costruzione della prima casa.

Il decreto legge (anticrisi) n.185 del 29 novembre 2008, pubblicato sul Supplemento Ordinario n. 263 della Gazzetta Ufficiale n.280 del 29 novembre 2008 prevede un tetto massimo all'ammontare degli interessi passivi, a tasso variabile, maturati su mutui per l'acquisto, la ristrutturazione o la costruzione della prima casa (di categoria non di lusso), sottoscritti sino al 31.10.08, oppure rinegoziati entro la stessa data in applicazione della L. n.126/08. L'importo delle rate si calcola con riferimento al maggiore tra:
· tasso del 4%, senza considerare spread, spese varie o altro tipo di maggiorazione;
· tasso contrattuale alla data di sottoscrizione del contratto.
°gennaio 2009, invece, il tasso di base su cui si calcola lo spread sarà costituito dal tasso stabilito dalla Banca Centrale Europea.



L'opinione del Commercialista. Cartelle esattoriali - Equitalia - Sentenza 112 Commissione Tributaria del 10/08

newsCartelle esattoriali - Equitalia - Sentenza 112 Commissione Tributaria del 10/08:
E' di tre anni successivi alla scadenza di pagamento il termine prescrizionale di notifica delle cartelle esattoriali, e quindi dalla concreta conoscenza del contribuente, per omesso pagamento delle tasse automobilistiche.



Usura - Anatocismo:Bankitalia, allarme usura allo sportello, da IL GIORNALE del 17-1-2006

giornale Bankitalia: allarme usura allo sportello

Sotto accusa le cosiddette «commissioni di massimo scoperto». Lettera di «richiamo» a tutti gli istituti di credito italiani

Mario Attanasio - da Milano

Bankitalia lancia l'allarme usura. In banca. Preoccupata per i «rischi reputazionali», Via Nazionale ha inviato una lettera a tutte le banche italiane mettendo sotto accusa le cosiddette «commissioni di massimo scoperto». Nel mirino della vigilanza della Banca d'Italia sono finiti gli interessi e le spese che gli istituti pretendono dai clienti quando il conto corrente va in rosso. Commissioni che, secondo l'istituto centrale, supererebbero, in alcuni casi, la soglia d'usura e che hanno un notevole «impatto sulle condizioni economiche complessivamente applicate alla clientela».
Primo campanello d'allarme, scrivono i funzionari della vigilanza di Via Nazionale, è il «crescente interesse della magistratura e degli organi investigativi». E l'aumento esponenziale dei casi sottoposti «al vaglio dell'autorità giudiziaria» crea apprensione non solo per l'immagine del sistema bancario, ma anche per i «rischi operativi». Alla base della questione, infatti, ci sarebbero dei banali errori di calcolo. E qui Bankitalia punta il dito contro la scarsa chiarezza della legge sull'usura, che avrebbe «posto numerosi dubbi interpretativi» e quindi rappresenterebbe la causa principale degli errori commessi dalle banche nel calcolare le commissioni di massimo scoperto.
La lettera, firmata da Francesco Frasca e Giovanni Castaldi (due dei dirigenti di Bankitalia alla ribalta della cronaca delle scalate bancarie), è del 2 dicembre 2005, ma dovrebbe essere arrivata in tutte le banche italiane proprio in questi giorni.

Prima, infatti, secondo la prassi, la missiva ha fatto il giro dei capi delle filiali della Banca d'Italia sparse per tutta la penisola. E insieme con il «richiamo scritto», i tecnici di Bankitalia hanno messo a punto anche una sorta di vademecum: un paio di pagine per aiutare tutte le banche a calcolare queste commissioni nel pieno rispetto della legge.
La preoccupazione dell'istituto da ieri guidato dal neo Governatore Mario Draghi, peraltro, è confermata da una recente pronuncia del tribunale di Ascoli Piceno che ha condannato,proprio per interessi usurari, Antonveneta e Capitalia. I due istituti di credito saranno costretti a restituire immediatamente presunti interessi usurari per complessivi 160mila euro a un'impresa edile, la cui situazione patrimoniale risultava compromessa anche dai pagamenti richiesti dalle banche. Sulla base di una consulenza tecnico-contabile sui conti correnti della società dal 1997 a oggi, infatti, il giudice ha prefigurato l'ipotesi di interessi usurari tout court, mascherati da voci relative a spese e commissioni bancarie.

Quanto ai tassi usurari, gli ultimi dati dicono che è scesa al 7,455% (dal 7,50% di fine settembre) la soglia oltre la quale i tassi fissi vengono considerati, appunto, d'usura. Il nuovo livello, indicato trimestralmente dalla Banca d'Italia (e che viene calcolato aumentando del 50% i tassi di interesse medi rilevati sul mercato), è stato fissato al 4,97% e al 3,85% rispettivamente per i mutui a tasso fisso e quelli a tasso variabile accesi tra il primo gennaio e il 31 marzo 2006.

“La riproduzione di tutto o di parte di questo articolo  è consentita solo citandone la fonte originaria www.studiocavallari.it