Sito dello Contatti







 

Dove ti trovi: Home>Lavoro e previdenza - Paghe Online



STUDIO CAVALLARI
Via 4 Novembre 6c int. 12 - Padova - 35010 Limena
emailinfo@studiocavallari.it
telefono049 613584

Corrispondenti Veneto
regione veneto

Torna all 'indice


Privacy Policy

Seguici anche su facebooklinkedin

Cerca un'impresa

Cerca un'impresa
per nome:
per prodotti:







Buste paga - Padova
Lavoro e previdenza
Consulenza del lavoro e sicurezza
Contenzioso legale sul lavoro
Sicurezza sul lavoro

 

L’area lavoro è presidiata da personale specializzato in grado di affrontare, con un gioco di squadra, i conflitti e contenziosi che spesso avvengono in quest’area:

L’area lavoro è composta da:

  1. Uno specialista paghe, inquadramenti  e contratti di lavoro in grado di sfruttare al massimo le agevolazioni contrattuali, contributive e fiscali esistenti

  2. Un avvocato specializzato in materia di lavoro, con attitudine alla gestione dei conflitti sindacali

  3. Un esperto di sicurezza sul lavoro con pluriennale e concreta esperienza sul campo  

  4. Enti di formazione accreditati per gli adempimenti formativi obbligatori dei lavoratori

 

In caso di contenzioso sul lavoro, il nostro team può gestire il conflitto in autonomia, sollevando l’imprenditore da estenuanti trattative.

Lo Studio offre  un servizio di elaborazione paghe con caricamento direttamente tramite internet delle presenze, ore e assenze dei lavoratori.
Il risultato è l'immediatezza e la certezza di corretta imputazione dei dati ed è utilizzabile da qualsiasi azienda di ogni dimensione.
Il servizio non richiede investimenti ed è utilizzabile da qualunque accesso internet già in uso senza ulteriori spese, in ogni momento sia a Voi più comodo anche oltre l'orario di ufficio perchè gestito da un server sempre in funzione.
Vantaggi:

  • Risparmio di tempo: riduzione drastica o eliminazione della necessità di recarsi fisicamente presso lo studio per portare o ritirare documenti quali, cedolini, presenze, assunzioni o dimissioni.

  • Trasparenza dei costi e del servizio.

  • Velocità nell'esecuzione del servizio: i cedolini elaborati vengono inviati via mail all'azienda che potrà semplicemente stamparli e consegnarli ai dipendenti.

  • Possibilità di utilizzare un rilevatore presenze in azienda, collegato al sistema web automatizzato.


Alleggerire gli adempimenti burocratici è il nostro compito e Vi consentirà di lavorare con serenità.

Riforma del lavoro Job act 2015

argomento all'internoRiforma del lavoro Job act 2015.
La legge di Stabilità 2015, in discussione in Parlamento, prevede le seguenti misure in materia di lavoro:....continua

Risolvere crisi aziendali

argomento all'internoPer risolvere le crisi aziendali spesso si deve purtroppo intervenire sul costo del personale. In alternativa al licenziamento ( con incentivo all’esodo ) o alla mobilità si possono utilizzare due strumenti importanti che permettono:continua....

READING THE PAY SLIP

file pdfREADING THE PAY SLIP

Come leggere la busta paga

Come leggere la busta paga





Per avere username e password, contattare lo Studio del dott. Massimo Cavallari

Riforma del lavoro L. 28.06.2012, n. 92

argomento all'internoRiforma del lavoro - Padova - L. 28.06.2012, n. 92
Ai rapporti di lavoro subordinato non a tempo indeterminato si applica un contributo addizionale,a carico del datore di lavoro, pari all’1,4% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali dal 1.01.2013. ...continua a leggere....
(download pdf) contributo addizionale contratti a tempo determinato, contrattazione di secondo livello, immigrati, soggetti autorizzati alla somministrazione di lavoro, aliquote contributive gestione separata inps, responsailità solidale negli appalti, tipologie contrattuali nella riforam del alvoro, la revisione dei tirocini formativi e di oreintamento, contratti a tempo determinato prolungamento del rapporto, apprendistato limiti, lavoro intermittente modifiche, lavoro a progetto, lavoro autonomo conversione in co.co.pro, associazione in partecipazione lavoro accessorio buoni, reddito per il rilascio del permesso di soggirono, regime dei licenziamenti dopo la riforma del lavoro, conciliazione preventiva in dtl per il licenziamneto per giustificato motivo oggettivo, effetti del licenziamento, licenziamenti individuali impugnazione del lincenziamento, leggittimo licenziamento, revoca dle licenziamneto, disciplinare, tutela obbbligatoria licenziamenti collettivi procedura epr il licenziamento

Valutazione stress da lavoro, si avvicina la scadenza: al 31 dicembre l'obbligo della valutazione

argomento all'interno Valutazione stress da lavoro, si avvicina la scadenza: al 31 dicembre l'obbligo della valutazione

C'è tempo ancora fino al 31 Dicembre per rilevare e valutare il nuovo rischio da stress lavoro-correlato: il Senato ha infatti approvato il rinvio della scadenza a tale data. Dal 31 Dicembre 2010, dunque, diventerà pienamente operativa la disposizione sanzionatoria che vede i datori di lavoro obbligati alla valutazione rischio da stress lavoro-correlato nelle proprie aziende. Tale valutazione è parte integrante del Testo Unico della sicurezza sul lavoro.

Si avvicina la scadenza del 31 Dicembre 2010 per ottemperare alla valutazione del "rischio stress lavoro-correlato

argomento all'internoSi avvicina la scadenza del 31 Dicembre 2010 per ottemperare alla valutazione del "rischio stress lavoro-correlato" (ai sensi del D. Lgs. 81/200),  ma tante aziende (soprattutto le piccole e medie ) sono in alto mare...

Fino a poco tempo fa lo stress legato al lavoro, in tutte le sue forme, veniva considerato come una sorta di “male necessario” ed in certi casi quasi uno scotto da pagare per svolgere alcuni tipi di lavoro e di mansioni, soprattutto di livello medio-alto.
In realtà, da quando è entrato in vigore il c.d. T.U. sulla sicurezza sul lavoro (D.Lgs. 81/08), le cose sono cambiate.
Infatti il Datore di Lavoro (anche ai sensi dell'art. 2087 del c.c.) è tenuto a prendere in considerazione, tra i rischi presenti sul luogo di lavoro per la salute e la sicurezza dei lavoratori, anche quello dello stress lavoro-correlato; quindi deve inserirlo nella valutazione dei rischi e prevedere e attuare tutte le misure di prevenzione e protezione idonee ad eliminare o quanto meno ridurre questo tipo di rischio......


Voucher Lavoro Accessorio: Buoni lavoro venduti in tabaccheria in sei regioni italiane

Voucher Lavoro Accessorio: Buoni lavoro venduti in tabaccheria in sei regioni italiane
Buoni lavoro (occasionale) disponibili anche in tabaccheria. È questo l’effetto della convenzione siglata fra l’Inps e la Fit (Federazione Italiana Tabaccai). La vendita e il cambio dei buoni lavoro (voucher) attraverso la rete delle tabaccherie sarà possibile grazie all’operatore finanziario Banca Itb, partner dei rivenditori di generi di monopolio. L’iniziativa, che prenderà il via dalla metà di aprile con una sperimentazione in sei regioni italiane (Lombardia, Veneto, Toscana, Lazio, Puglia e Sicilia), è finalizzata all’ulteriore semplificazione dell’uso dei voucher, già reperibili grazie alla procedura cartacea e a quella telematica gestite dall’Inps. In 18 mesi i voucher lavoro distribuiti in Italia sono stati 4,1 milioni. I prestatori d’opera pagati con questo strumento sono stati oltre 55mila, di cui il 22% ragazzi sotto i 25 anni e il 40% persone oltre i 65 anni. Le regioni dove i voucher sono stati più richiesti sono Veneto (800mila), Emilia Romagna (490mila), Piemonte e Lombardia (400mila ciascuno) e Toscana (380mila). (Inps-FIT, Convenzione, 26/03/10)

TFR

Tfr Solidarietà Veneto, circolare di giugno: Ultimi giorni per decidere, poi silenzio e assenso
TFR e Fondi Pensione si avvicina la scadenza per scegliere

Tfr, Solidarietà Veneto, circolare informativa.

Previdenza integrativa. Entro quando bisogna scegliere; moduli e modalità. La brochure “TFR scegliere oggi pensando al domani”

argomento all'internoScelta del conferimento del TFR

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro sulla disciplina del rapporto del lavoro domestico. 16 febbraio 2007
Decorrenza 1° marzo 2007 - Scadenza 28 febbraio 2011

argomento all'internoContratto Collettivo Nazionale di Lavoro sulla disciplina del rapporto del lavoro domestico. 16 febbraio 2007. Decorrenza 1° marzo 2007 – Scadenza 28 febbraio 2011
file pdf integrale

argomento all'internoMinimi retributivi
fissati dalla commissione nazionale decorrenza 1 marzo 2007 (art. 33 dl contratto collettivo nazionale di lavoro domestico 16/02/2007)


Obbligo di informazione per le aziende e i lavoratori dipendenti


icona pptScelta sulla destinazione del TFR tratto dal sito della COVIP (Commissione di vigilanza per i fondi pensione)

argomento all'internoObbligo di informazione per le aziende e i lavoratori dipendenti

Modelli aziende

Modello azienda 1

Modello azienda 2

Modello azienda 3

Modello azienda 4


Modelli dipendenti

Modello dipendente 1

Modello dipendente 2


Modello dipendente 3

Modello dipendente 4

Modello dipendente 5

Modello dipendente 6


Obbligo di informazione per le aziende e i lavoratori dipendenti

Maxi sanzione per il sommerso

argomento all'internoMaxi sanzione per il sommerso
argomento all'internoMaxi sanzione per il lavoro nero anche per gli autonomi e i parasubordinati

Contratti di inserimento

argomento all'internoLa fine dei contratti di formazione lavoro

file wordAccordo interconfederale

Circolare Inps n. 51 del 16.03.2004

Circolare Inps n. 74 del 19.05.2006

Circolare Inail n. 41 del 31.08.2006

Pagamento dei premi ed accessori: modifica del tasso di interesse di rateazione e di dilazione.

file wordCircolare Inail n. 41 del 31.08.2006



Circolare Inps n. 94 del 29.08.2006

Variazione del tasso di differimento, di dilazione e della somme aggiuntive per omesso o ritardato versamento dei contributi previdenziali e assistenziali

Circolare Inps n. 94 del 29.08.2006

Direttiva Ministero Interni del 08.08.2006

Direttiva sui diritti dello straniero nelle more del rinnovo del permesso di soggiorno

file wordDirettiva Ministero Interni del 08.08.2006

Padova guida stranieri in italiano

La Provincia di Padova, in collaborazione con Questura, Prefettura, Direzione Provinciale del Lavoro e Camera di Commercio, ha realizzato la riedizione aggiornata del vademecum sulle diverse tipologie di Permesso di Soggiorno, sulla base delle disposizioni dei Decreti Attuativi della legge 189/2002 (Bossi-Fini).

zip filePadova guida stranieri in italiano



Debiti Inps e Inail più cari dal 09.08.2006 - Il rinnovo del permesso di soggiorno - Vadevecum stranieri in Padova

Debiti Inps e Inail più cari dal 09.08.2006 - Il rinnovo del permesso di soggiorno - Vadevecum stranieri in Padova

file wordDebiti Inps e Inail più cari dal 09.08.2006 - Il rinnovo del permesso di soggiorno - Vadevecum stranieri in Padova

Debiti contributivi più cari dal 15.06.06 - I rischi delle ferie non godute"; "Circolare Inps n. 81 del 14.06.06" "Circolare Inail n. 33del 26.06.06

file formato wordDebiti contributivi più cari dal 15.06.06:i rischi delle ferie non godute

A seguito dell'aumento del tasso ufficiale di riferimento, ora pari al 2,75%, Inps e Inail informano che hanno aumentato gli interessi e le sanzioni civili per il ritardato od omesso versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali.
Il diritto alle ferie risponde alla finalità di assicurare ai lavoratori subordinati un periodo di riposo nel corso dell'anno, durante il quale possono reintegrare le energie psico-fisiche usurate dal lavoro ed altresì soddisfare le esigenze ricreativo-culturali e partecipare più incisivamente alla vita familiare e sociale.

Circolare Inps n. 81 del 14.06.06

file formato wordCircolare Inail n. 33 del 26.06.06


Codice di comportamento del personale ispettivo del Ministero del lavoro e delle politiche sociali

argomento all'internoCodice di comportamento del personale ispettivo del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.
Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, unitamente all'INPS e all'INAIL, ha provveduto ad elaborare un codice comportamento unitario del personale ispettivo, i cui contenuti sono stati condivisi mediante il protocollo d'intesa siglato in data 24 marzo 2006 negli allegati qui sotto....

Codice di comportamento ad uso degli ispettori del lavoro .

Protocollo d'intesa siglato in data 24 marzo 2006.


Debiti Inps e Inail più cari dall'8 marzo 2006, Polizze assicurative per il t.f.r

argomento all'internoDebiti Inps e Inail più cari dall'08/03/2006 - Polizze assicurative per il t.f.r

A seguito dell'aumento del tasso ufficiale di riferimento, ora pari al 2,5%, Inps e Inail informano che hanno aumentato gli interessi e le sanzioni civili per il ritardato od omesso versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali.

pdfCircolare Inps n. 42 del 14.03.2006

file formato wordCircolare Inail n. 16 del 22.03.06


La vigilanza del Ministero del Lavoro.

La vigilanza del Ministero del Lavoro.

Nella circolare vengono esposte le novità più interessanti pubblicate dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

argomento all'internoLa vigilanza del Ministero del Lavoro

pdfCircolare

Il modello 730/2006: soggetti esclusi ed esonerati

Il modello 730: soggetti esclusi ed esonerati

argomento all'internoSoggetti esclusi ed esonerati..

pdfIstruzioni 730 / 2006


I contribuenti che possono utilizzare il modello 730 devono avere un sostituto d’imposta che effettua le operazioni di conguaglio e devono possedere determinate tipologie di reddito che possono essere dichiarate con il modello 730.
Non tutti i contribuenti sono tenuti alla presentazione del modello 730, bisogna pertanto distinguere i soggetti esclusi da quelli esonerati

Debiti contributivi Inps e Inail


Debiti contributivi Inps e Inail

pdfCircolare n. 1 del 03/01/2006

pdfCircolare n. 4 Inail del 03/01/2006

Con decorrenza dal 06/12/2005 aumentano gli interessi per il ritardato od omesso versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali. Inps e Inail fissano i nuovi valori.

I contributi per la Gestione Separata.

I contributi per la Gestione Separata.

pdfTabella Co.Co.Co. 2006

La Direzione Provinciale del Lavoro di Modena pubblica la tabella dei contributi previdenziali vigenti nel 2006 per i collaboratori a progetto, mini co.co.co., lavoratori autonomi occasionali, lavoro occasionale accessorio, associati in partecipazione.

La totalizzazione dei periodi assicurativi

La totalizzazione dei periodi assicurativi

pdf Scheda informativa

pdf Decreto legislativo

Il Parlamento ha approvato il decreto legislativo sulla totalizzazione dei periodi assicurativi. Con il nuovo decreto ora è possibile unire gli "spezettoni contributivi" senza dover ricorrere alla ricongiunzione a titolo oneroso. Il provvedimento è particolarmente interessante per:
- i lavoratori autonomi e i liberi professionisti che hanno periodi di contribuzione come lavoratori dipendenti;
- i co.co.co. e i collaboratori a progetto iscritti alla gestione separata INPS, i cui contributi non possono essere trasferiti. Il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale pubblica la scheda informativa e lo schema del decreto legislativo.

La sanzioni amministrative e penali in materia di orario di lavoro e di ferie

La sanzioni amministrative e penali in materia di orario di lavoro e di ferie


pdfTabella sanzioni

La Direzione Provinciale del Lavoro di Modena pubblicata una tabella aggiornata con l'apparato sanzionatorio previsto in materia di orario di lavoro e di ferie. La stessa tabella riporta, inoltre, un'apposita colonna nella quale viene indicata la possibilità per gli organi di vigilanza di applicare in alcuni casi l'Istituto della diffida (ex art. 13 del D.Lgs. 124/04) per le violazioni di carattere amministrativo, o quello della prescrizione obbligatoria (ex art. 15 del D.Lgs. 124/04) per le violazioni di rilevanza penale. Che cos'è la diffida? L'Ispettore del lavoro, in fase di accertamento, può constatare delle violazioni che possono essere sanate diffidando il datore di lavoro alla regolarizzazione fissando il relativo termine. Quando il datore di lavoro ottempera alla diffida il procedimento sanzionatorio si estingue mediante il pagamento di una somma agevolata.

Il codice disciplinare e la sua pubblicità

Il codice disciplinare e la sua pubblicità

argomento all'internoIl codice disciplinare e la sua pubblicità (articolo)

Il potere disciplinare è riconosciuto al datore di lavoro dall'art. 2106 c.c., secondo il quale l'inosservanza del dovere di diligenza, di obbedienza o dell'obbligo di fedeltà (arttt. 2104 e 2105 c.c.) espone il lavoratore all'applicazione di sanzioni disciplinari. Tale potere è legittimamente esercitato solo se volto a sanzionare inadempienze connesse alla prestazione lavorativa o comportamenti che compromettono l'esecuzione del contratto secondo i principi di correttezza e buona fede.

Le società artigiane

Le società artigiane

L'art. 3 della Legge 443/85 definisce quali tipi di società possono rientrare nell'artigianato.

argomento all'interno Le società artigiane
argomento all'interno Collegato alla finanziaria srl artigiane
pdfFare impresa: Legislazione nazionale e normativa per l'artigianato

Riscatto della laurea

Riscatto della laurea

Come riscattare la laurea: periodi per i quali è possibile riscattare la laurea, I modelli, Condizioni ostative, Costi del riscatto, Benefici fiscali, A chi rivolgersi....

pdfDomanda di riscatto della laurea

zip fileModulo riscatto della laurea

zip fileRiscatto laurea Parasup

Contributi Inps meno cari per i datori di lavoro

Contributi Inps meno cari per i datori di lavoro

pdfscarica pdf » La Legge Finanziaria 2006 ha previsto, a decorrere dal 1° Gennaio 2006, una riduzione del costo del lavoro dell'1%.

pdfscarica pdf » L'Inps ha dettato le istruzioni operative per accedere a questo beneficio.

Agevolazioni per assumere personale

Agevolazioni per assumere personale

La Direzione Provinciale del Lavoro di Modena, www.dplmodena.it
pubblica la mappa delle agevolazioni per assumere il personale.
Le informazioni contenute nel sito hanno un carattere unicamente informativo.
Per ogni ulteriore approfondimento Vi preghiamo di contattare lo Studio.

Modello CUD 2006

Modello CUD 2006

pdfModello CUD 2006


pdfProvvedimento CUD 2006

L'Agenzia dell'Entrate ha approvato il Modello CUD 2006 utilizzato dai datori di lavoro per certificare i redditi corrisposti nell'anno 2005. Le novità più importanti riguardano: - per la parte fiscale, l'introduzione di un apposito campo in cui indicare le deduzioni per i carichi di famiglia (cosiddetta family area); - per la parte previdenziale INPS, c'è stato un'importante diminuzione delle informazioni richieste in conseguenza della nuova denuncia E-Mens.